Compatibilità Idrogeologica

La Marant srl ha in progetto la realizzaizone di un campo eolico in Calvello (PZ).
E’ stato necessario realizzare uno studio di compatibilità idrogeologica, dato che l’impianto va ad intersecarsi con diverse aree a pericolosità da frana.

STEP 1: ALLESTIMENTO CARTOGRAFICO 

La Regione Basilicata ha per l’area in oggetto una carente base topografica: il sito è coperto in parte da raster in scala 1:10.000 e parte in raster 1:5.000.
I due tematismi, non georeferenziati, presentano anche colori diversi (in fig. 1 sx dopo la georeferenziazione).
E’ stato pertanto allestita una carta topografica base di riferimento, georeferenziando tutto il disponibile e modificando il layout con un semplice ed intuitivo bianco/nero, facilmente utilizzabile per tutti gli elaborati cartografici prodotti. (in fig. 1 dx).

 

STEP 2: RILEVAMENTO IN SITU DELLE CRITICITA’ E DELLE ZONE DA APPROFONDIRE

Rilevamento in situ di tutta l’area di interesse, considerando non solo le specifiche zone di interesse dell’impianto (aerogeneratori – percorso del cavidotto – stazione elettrica) ma l’intero bacino idrografico.
Individuazione di n°30 criticità / aree di attenzione, con l’ausilio di un GIS Portatile interfacciato ad un GPS submetrico (errore di 50cm), per una precisa localizzazione topografica.
Per ogni singola criticità è stata redatta una tabella riassuntiva con tutte le caratteristiche geologiche, geomorfologiche, idrologiche e di dissesto idrogeologico, con specificato opportune opere di sistemazione (dove previste).

STEP 3: ESECUZIONE DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE

Per una corretta caratterizzazione geotecnica e geologica dell’area, sono stati eseguite delle indagini geognostiche in situ e in laboratorio.

STEP 4: ANALISI DI STABILITA’ DI VERSANTE

Il cavidotto intercettava un’estesa area cartografata dall’AdB Basilicata a pericolosità da frana. E’ stato necessario realizzare numerose analisi di stabilità di versante atte a definire la stabilità dell’area.
Per una corretta analisi di stabilità di versante, eseguito un rilievo topografico delle linee di massima pendenza, con GIS portatile e GPS submetrico che ha evidenziato con una successiva elavorazione il grado di precisione raggiunto: in fig. 10 viene evidenziato il profilo topografico desunto dalla carta topografica (scala 1:5.000 / 1: 10.000) in rosso, molto diverso dal rilievo fatto con il GPS submetrico (in blu).

STEP 5: REDAZIONE DELLA RELAZIONE DI COMPATIBILITA’ IDROGEOLOGICA E REALIZZAZIONE DEGLI ELABORATI CARTOGRAFICI

Geomorfologia

Geolitologia

Idrologia

Acclività